Gastrobase.it
Gastroenterologia Xagena
Xagena Mappa
Medical Meeting

Associazione dell'assunzione di glutine durante i primi 5 anni di vita con incidenza di autoimmunità e malattia celiaca nei bambini ad alto rischio


Un elevato apporto di glutine durante l'infanzia può comportare il rischio di celiachia. Si è determinato se la quantità di assunzione di glutine sia associata all'autoimmunità da celiachia e alla celiachia nei bambini con rischio genetico.

I partecipanti a TEDDY ( The Environmental Determinants of Diabetes in the Young ), uno studio prospettico osservazionale di coorte alla nascita progettato per identificare i fattori scatenanti ambientali del diabete di tipo 1 e della celiachia, sono stati seguiti in 6 centri clinici in Finlandia, Germania, Svezia e Stati Uniti.

Tra il 2004 e il 2010 sono stati arruolati 8.676 neonati portatori di genotipi di antigene HLA associati a diabete di tipo 1 e celiachia.
Lo screening per la celiachia con autoanticorpi diretti alla transglutaminasi tissutale è stato eseguito ogni anno su 6.757 bambini dall'età di 2 anni.
I dati sull'assunzione di glutine erano disponibili in 6.605 bambini ( 98% ) entro il 30 settembre 2017.
L'assunzione di glutine è stata stimata da registri alimentari di 3 giorni raccolti all'età di 6, 9 e 12 mesi e successivamente ogni 2 anni fino all'età di 5 anni.

L'esito primario era l'autoimmunità della celiachia, definita come presenza di autoanticorpi diretti verso la transglutaminasi tissutale, trovati in 2 campioni di siero consecutivi.
L'esito secondario era la celiachia confermata dalla biopsia intestinale o da livelli persistentemente elevati di autoanticorpi transglutaminasi tissutali.

Dei 6.605 bambini ( 49% femmine; follow-up mediano: 9.0 anni ), 1.216 ( 18% ) hanno sviluppato l'autoimmunità da celiachia e 447 ( 7% ) hanno sviluppato la celiachia.
L'incidenza di entrambi gli esiti ha raggiunto il picco all'età di 2-3 anni.

L'assunzione giornaliera di glutine è stata associata a un rischio più elevato di autoimmunità da celiachia per ogni aumento di 1 g/die del consumo di glutine ( hazard ratio HR, 1.30; rischio assoluto a 3 anni se la quantità di riferimento di glutine era stata consumata, 28.1%; rischio assoluto se l'assunzione di glutine era 1 g/die superiore alla quantità di riferimento, 34.2%; differenza di rischio assoluta, 6.1% ).

L'assunzione giornaliera di glutine è stata associata a un rischio maggiore di celiachia per ogni aumento di 1 g/die del consumo di glutine ( HR, 1.50; rischio assoluto all’età di 3 anni in caso di consumo della quantità di glutine di riferimento, 20.7%; rischio assoluto se l'assunzione di glutine era 1 g/die superiore alla quantità di riferimento, 27.9%; differenza di rischio assoluto, 7.2% ).

Un maggiore apporto di glutine durante i primi 5 anni di vita è stato associato a un aumentato rischio di autoimmunità da celiachia e celiachia nei bambini geneticamente predisposti. ( Xagena2019 )

Aronsson CA et al, JAMA 2019; 322: 514-523

Gastro2019 Pedia2019



Indietro